http://www.cambiamolanostraitalia.org/

giovedì 19 giugno 2014

Pillole di giugno 2014 "il dottor Matteo Renzi e la terapia della BCE di Mario Draghi"

Come per il mese di maggio iniziato con lo scandalo di corruzioni e tangenti all’EXPO di Milano, anche questo mese di giugno è iniziato con un altro clamoroso scandalo di nuove corruzioni e tangenti riguardante stavolta il grosso giro di affari per la costruzione del MOSE di Venezia.  Questo era giusto un accenno sulle “solite cose negative" (corruzioni) che succedono in Italia, che periodicamente si susseguono e che probabilmente non avranno mai fine finché le coscienze delle persone non cambiano. 
Ma parliamo d’altro.
Tutti sapete come sono andate le Elezioni Europee del 25 maggio scorso, con un imprevedibile ed inatteso successo ampio del PD forse è meglio dire di Matteo Renzi. Se ci sarebbe stato qualcun altro al suo posto come leader del Partito Democratico e Presidente del Consiglio dei Ministri non credo che il PD avrebbe mai raggiunto e superato la quota del 40% dei voti come è invece avvenuto appunto con Renzi.
Che gli italiani siano contenti della cura che sta attuando il dottor Matteo Renzi?
Come già ho scritto nel post precedente Berlusconi, 80 euro ed elezioni Europee....., non si può negare che l’attuale Presidente del Consiglio alcune cose le ha fatte “davvero”, altre si appresta a farle ed altre sono in cantiere per essere fatte!
A volte però il modo di fare di Renzi  sembrerebbe un po’ “prepotente” nell'affrontare le cose, perché pare che non guarda in faccia a nessuno, nemmeno all'interno del suo partito di militanti ed eletti che continuano a fare ostruzioni per ostacolare le scelte e le operazioni di Renzi. Speriamo però che Matteo vada avanti così con questa cura…. duro con i duri e tenero con i deboli, perché gli altri che per anni e decenni lo hanno preceduto si sono comportati al contrario….. deboli con i duri e duri con i deboli!
A proposito di cure… c’è l’ennesima terapia da parte della Banca Centrale Europea, che ha ulteriormente di nuovo abbassato il tasso d’interesse dell’euro portandolo al minimo storico dello 0,15% (il precedente abbassamento allo 0,25% è stato a novembre dell’anno scorso "La BCE abbassa i tassi al 0,25%....."). Subito dopo questa operazione, nei giorni successivi c’è stato euforia sui mercati, ed un ulteriore abbassamento dello Spread tra BTP italiani e BUND tedeschi. Tutti contenti perché altra liquidità è stata messa in circolazione ma non direttamente per i governi, imprese e cittadini, ma ancora e per l’ennesima volta a favore delle banche, che poi dovrebbero elargire crediti alle imprese per far ripartire l’economia, cosa che dovevano già fare nei mesi e negli anni precedenti man mano che la BCE riduceva i tassi, ma le banche hanno fatto altro e perché adesso dovrebbero comportarsi diversamente? Bisognerebbe imporre alle banche come utilizzare il denaro che prende dalla BCE, a questo punto a costo zero, e non solo di raccomandarle di concedere prestiti, ma di costringerle pena l’applicazione di dure sanzioni a distribuire il denaro ricevuto “gratuitamente” dalla Banca Centrale Europea.
Speriamo bene che la cura di Renzi e la terapia di Draghi abbiano effetto il prima possibile, prima che il “paziente malato” cada in coma profonda.
Giusto per terminare questo post, in questo mese abbiamo di nuovo pagato l’IMU sulle seconde case e TASI per quei comuni, circa duemila, che hanno deliberato. Ancora una volta come sta succedendo da qualche anno, abbiamo dovuto attendere quasi fino alla fine per fare i calcoli e poi correre a fare la fila agli uffici postali ed alle banche per effettuare il pagamento del modello F24, per indecisioni sia del Governo che dei Comuni. Non solo noi cittadini non ci abbiamo ancora capito nulla, abbiamo capito soltanto che dobbiamo “pagare”, ma anche come ha ammesso “simpaticamente” lo stesso Renzi che nemmeno lui ci ha capito niente tra IMU, TASI e via dicendo! Speriamo, come promesso, che da qui ad un anno le cose verranno semplificate…….. Io poco ci credo! E voi?

Dite la vostra!

Per Cambiare la Nostra Italia

Roberto Di Stefano