http://www.cambiamolanostraitalia.org/

sabato 7 aprile 2018

Notizie dall’estero < su economia e pensioni dell’Italia > del dopo voto delle politiche italiane del 4 marzo 2018

Questo post è una “postilla” conclusiva alla discussione e al contesto per ciò che ha riguardato il dopo voto delle politiche italiane del 4 marzo 2018.
Sono notizie provenienti dall’estero sull’economia e sulle pensioni italiane!

La prima riguarda le pagelle semestrali da parte della UE (La pagella Ue all'Italia....), arrivate “puntuale” a soli tre giorni dopo il voto delle politiche italiane del 4 marzo scorso, ed il giudizio sull’economia italiana che è cresciuta, ma molto meno rispetto al resto dei paesi europei. Mentre chi sa perché prima del voto, sia all’interno che fuori dai nostri confini si parlava dei balzi avanti della nostra economia!!!
Erano “bugie” di condizionamento prima….. o stupidaggine dopo…?


Una cosa è certa. L’Italia è sì scresciuta perché era in “scia” alla crescita più evidente degli altri paesi europei, ma il <pilota italiano> purtroppo, non ha sfruttato tale scia per accelerare e fare il sorpasso nel momento giusto, accontentandosi invece di rimanere dietro…. trainato dai “bravi” che si trovavano e si trovano ancora davanti a noi......!
E se l’economia italiana non farà “davvero” dei passi avanti, rischia di innescare l’attivazione delle cosidette e “famose” clausole di salvaguardia, tra cui aumento dell’IVA, manovra correttiva, ecc… ecc… una “rogna” per il governo che ha da formarsi!

Ma come sempre… la domanda nasce spontanea…. Come mai queste valutazioni sono arrivate “solo” e subito dopo il voto del 4 marzo? E non è prima?
I sei mesi “cadevano” giusto a marzo…. ed allora mi domando…. anche la data del voto è stata “diligentemente” studiata?  

Questo il primo appunto, vediamone un altro che riguarda l’occupazione, notizia sempre dopo il voto del 4 marzo scorso.
Mentre nella UE nell’ultimo trimestre 2017 l’occupazione è aumenta dello 0,3%, invece in Italia ha avuto una battura di arresto del - 0,3% (Lʼoccupazione sale nellʼUe solo lʼItalia calo a fine 2017). Notizia sempre dopo e mai prima del voto!
A febbraio (Elezioni Politiche del 4 marzo 2018 – Gli “atteggiamenti” italiani) le notizie “stranamente” erano “economicamente” tutte positive ed ottimistiche!

Infine un'altra notizia e non di poco conto ed ancora una volta post voto, sempre dello scorso mese di marzo, è l’intervento del FMI (Fmi bacchetta l’Italia....), che mette in guardia l’Italia dal rivedere o abolire la legge Fornero sulle pensioni, invece addirittura chiede di rivedere le pensioni attuali che vengono “addirittura considerate alte”, le pensioni di reversibilità, le tredicesime ed eliminare la quattordicesima!!!
Mi verrebbe da dire.… vabbè lo dico…. Ho la sensazione che “qualcuno e più di qualcuno ” con questo <problema> delle pensioni italiane….. spera e sperano (in Italiana diciamo <tirano i pedi>) che “morissero” tutti i pensionati italiani, i più longevi, così in un “colpo solo” viene risolto la preoccupazione delle casse dell’INPS, del debito pubblico, di deficit ecc… poiché per queste “personalità” vengono prima i conti e poi la vita delle persone! 

Conclusione, ribadisco come più volte ho scritto nei miei post incluso questo, ci sono notizie che arrivano tempestivamente “prima” nel momento opportuno per condizionare le scelte di “qualcosa e di qualcuno”, che non è altro una DISINFORMAZIONE enfatizzata, per poi smentirsi “magicamente” dopo, quando però poi la verità viene comunque a galla!

Alla prossima    

Cambiamo La Nostra Italia
Roberto Di Stefano  

mercoledì 4 aprile 2018

E’ un governo Lega-M5S? Dopo il voto del 4 marzo 2018?

Dopo aver discusso delle situazioni, del prima e del dopo voto del 4 marzo 2018 (links alla fine di questo post),  e se si facesse un governo Lega e M5S?
Che conseguenze porterebbe?
Per quanto tempo reggerebbe?   


Per fare questo la Lega di Salvini dovrebbe scrollarsi di dosso almeno l’alleato della sua coalizione più ostile al movimento pentastellato, FI di Silvio Belusconi, che i “grillini” ormai non riescono più a “digerire” per l’aspra campagna elettorale che c’è stata tra queste due forze politiche!
Mentre tra la Lega e il M5S, già c’è stato un principio di “buon” accordo, come abbiamo visto con le votazioni per eleggere i presidenti di Camera e Senato, oltre ad avere anche qualche punto in comune, come quello di rivedere la legge Fornero sulle pensioni, i rapporti con l’Europa, la difesa dei più deboli. Però le differenze tra queste due forze politiche alla fine permangono.
Un primo ostacolo sarebbe la scelta del “premier”, visto che sia Salvini e sia Di Maio rivendicano il proprio diritto ad essere a capo dell’esecutivo.
Poi, quali punti di quale programma realizzare, oltre a quelli citati prima che sono in comune?

Da un lato la Lega di Salvini vorrebbe attuare Flat Tax (Elezioni Politiche del 4 marzo 2018 - “Le offerte del centrodestra di Berlusconi-Salvini-Meloni”), cioè una tassa con un’aliquota unica da definire intorno al 20% (si parla anche del 15%), limitata al reddito individuale, che dovrebbe garantire una maggiore semplicità e funzionalità del fisco, e soprattutto uno stimolo alla crescita economica. Misura da molti definita a favore dei più ricchi. Tutto dipenderebbe se ci sarebbero o no delle detrazioni ed in che misura, altrimenti è ovvio che chi ha redditi alti avrebbe maggiori vantaggi, perché pagherebbe alla fine le stesse tasse di chi ha redditi bassi.

Dall’altro lato troviamo il reddito di cittadinanza che vorrebbe realizzare il Movimento 5 Stelle (Elezioni Politiche del 4 marzo 2018 - “Le offerte del Movimento 5 Stelle”). Che a detta di molti sarebbe un disincentivo a non lavorare… coloro che pensano questa cosa non avrebbero tutti i torti…. visto i troppi italiani che fanno i furbi…. <che pur di non andare in guerra farebbero carte false>! Quindi attenti a questo reddito di cittadinanza, che se è vero che prevedrebbe 780 euro al mese, sarebbe anche un offesa per chi ha lavorato per 40 anni ed oggi prende meno di 700 euro al mese di pensione! E’ giusto che ci sia un sostegno economico per chi è “davvero” in difficoltà, ma bisogna misurarne anche la portata!

Entrambe queste misure, di Lega e M5S, richiedono una copertura economica non di poco conto. Fin quando non ci sarà una ripresa economica seria, che potrebbe esserci chi sa… con la flat tax della Lega e che potrebbe chi sa… così finanziare il reddito di cittadinanza del M5S!!!

Ma il problema è solo “uno” creare lavoro, ridurre le tasse in maniera proporzionate, eliminare le tasse doppie e quelle vecchie di cent’anni, eliminare enti e altri baracconi politici istituiti si sa il perché…. così riparte l’economia, senza ricorrere a flat tax e reddito di cittadinanza, ma dando dignità con il lavoro alle persone prima di tutto, che devono sentirsi fiere di guadagnare e non parassitari nel ricevere “periodicamente” qualcosa che qualcun altro sta pagando per loro!
Mentre un aiuto economico andrebbe dato alle persone che sono “veramente” in difficoltà, verificandole singolarmente ogni singolo caso, perché se si darebbe un reddito di cittadinanza “generalizzato”, una volta concesso, sarebbe poi difficile togliere a chi gli è stato dato.

Comunque, se ci saranno o no convergenze tra Lega e M5S, ma anche con altre forze politiche, si vedrà nei prossimi giorni di questo mese di aprile, quando il Parlamento sarà chiamato a pronunciarsi sull’approvazione del DEF il documento di economia e finanza.
Questo sarà davvero un banco di prova tra tutte le forze politiche.

Nel frattempo come la mettiamo con l’Europa? Soprattutto se ci fosse un accordo per un possibile esecutivo Lega-M5S? Che erano e sono le forze politiche italiane viste più ostile per l’Europa? Figuriamoci alleate e unite nel governo?

Tutto questo con il Fiscal Compact (Fiscal Compact ”Una politica di austerity che arricchisce i ricchi ed impoverisce i poveri”) e il pareggio di bilancio che incombe, previsto dalle norme europee, non sarà facile districarsi, e che potrebbe nuocere in maniera pesante le forze politiche che daranno e se daranno vita ad un governo!

A proposito di Europa, ecco il post conclusivo, che tratta delle notizie pervenute da fuori confine del prima e del dopo elezioni politiche italiane del 4 marzo 2018: 
Notizie dall’estero <su economia e pensioni dell’Italia> del dopo voto delle politiche italiane del 4 marzo 2018  

Argomenti correlati:
Lo “stallo e il caos” creato dallalegge elettorale del rosatellum del post-voto del 4 marzo 2018 e le possibileevoluzioni” – Al M5S l’incarico per il nuovo governo?

Cambiamo La Nostra Italia
Roberto Di Stefano