http://www.cambiamolanostraitalia.org/

giovedì 17 ottobre 2013

Ecco le cose che non funzionano in Italia e non solo – Stipendi (seconda parte)

Prosieguiamo il discorso sugli stipendi del post precedente Stipendi (prima parte)
Non solo nel pubblico ci sono stipendi elevati, nel privato la situazione è forse anche più accentuata, con manager ed amministratori delegati, di istituti di credito e di società S.p.A. che guadagnano davvero stipendi milionari rispetto alla maggioranza dei loro colleghi di lavoro nella stessa azienda inquadrati in categoria inferiore.
Uno su tutti, giusto per fare un esempio, è Sergio Marchionne amministratore delegato della FIAT S.p.A. che guadagna non so quanti milioni di euro all'anno  riferita alla parte intesa come stipendio. Che sia giusto che lui o altri come lui percepiscono stipendi così alti non lo so, so solo che c’è troppa iniquità. Infatti, invece un operaio metalmeccanico che lavora nella FIAT o in un’azienda dell’indotto per arrivare a guadagnare quello che guadagna Marchionne in un anno dovrebbe lavorare quanti anni? 100 anni o più? 
Fate voi un pò i conti!
Una cosa è certa.  Se per costruire un auto non c’è l’operaio che manualmente porta a compimento l’opera, “quella bella auto” rimane solo un “bel” disegno su carta. Stessa cosa si può dire che per costruire una bella villa, o un palazzo o un grattacielo, se non c’è il muratore, il manuale, comunque l’operaio edile ad eseguire i lavori, anche a decina di metri di altezza, quel progetto rimane solo un “bello” schizzo su carta. Ma così anche per qualsiasi altra grande e piccola infrastruttura che richiede poi in “concreto" per essere realizzata che ci siano persone che manualmente realizzano l’opera.
Secondo voi è giusto quindi che chi realizza materialmente un opera, guadagna un centesimo o millesimo di chi invece ha solo teoricamente realizzato la stessa opera su carta? Non è la differenza di stipendio che è sbagliata, è giusto che ci sia tale differenza, siamo in un sistema capitalista, ma è la troppa diseguaglianza tra gli stipendi delle varie categorie e dei tipi di lavoro dipendente che non va bene.

Ed ancora? Quanto guadagnano personaggi della TV sia pubblica che privata, mentre noi siamo “costretti” a pagare il canone? Ed i calciatori professionistici di massimo livello? Quest’ultimi guadagnano da qualche milione di euro fino a 5, 10, 15 milioni di euro all'anno ed anche di più. Non c’è l’ho con i calciatori o con gli altri sportivi milionari, anzi mi piace il calcio e lo sport in generale, ma questo non vuol dire che mi piace <questo sistema>. 
Noi “comuni mortali” per guadagnare la cifra che guadagnano “loro” in un anno dovremmo lavorare qualche centinaio di anni. Se poi vogliamo vedere e toccare quei soldini tutti insieme, oltre a lavorare per 100 e più anni, “Padre Eterno” permettendo, non dovremmo nemmeno spenderli, cioè né mangiare, né bere e nemmeno andare al bagno!

Questa è giustizia economica?
Questa è giustizia sociale?
QUESTA è GIUSTIZIA MORALE?

Il paragone si è voluto limitare solo ad un anno di reddito di questi stipendi esorbitanti rispetto ai nostri “stipendini”, figuriamoci se facciamo i conti per tutti gli anni…..! Dovevamo essere su questo pianeta a lavorare da quando? Già da oltre 2000 anni fa? Cioè prima dell’avvento del “Messia”? “Fooorse” oggi avremmo potuto avere anche noi tanti milioni di euro… però l’euro “allora” ancora non esisteva…..!

Mi fermo qui, altrimenti se consideriamo la situazione a livello mondiale, ci sono pochi, per fortuna, grandi ricchi dell’intero pianeta, che guadagnano in un anno il corrispondente PIL di una nazione, mentre in quegli stessi Stati dove ci sono questi “magnati” c’è gente che muore di fame. Rispetto a questi sceicchi, ai padroni dell'oro nero, ai proprietari di multinazionali, ai capi di imprese finanziarie, ecc....., le categorie milionarie citate precedentemente in questi post, sia nel pubblico che nel privato, risultano addirittura dei “poverini”!

Così si esce fuori da ogni proporzione che nemmeno la matematica “scienza esatta” riesce a spiegare!

Ma, la ricchezza di un pianeta, non dovrebbe appartenere a tutti e non a pochi?
Mi sa che abbiamo <sbagliato mestiere e pure pianeta>!

Alla prossima

Dite la vostra!

Per Cambiare la Nostra Italia

Roberto 

martedì 15 ottobre 2013

Ecco le cose che non funzionano in Italia – Stipendi (prima parte)

Mentre nella politica italiana all’inizio di questo mese è successo di tutto con la Resa dei conti tra PD e PDL ed all’interno dello stesso PDL, con l’ennesimo “ripensamento” e colpo a sorpresa di Berlusconi che mercoledì 2 ottobre ha votato la fiducia al Governo Letta, praticamente abdicando come si sente dire in giro, rafforzando in questo  modo almeno in “apparenza” la grande intesa PD e PDL, mentre le intenzione erano ben altre…. riprendo il discorso che ho iniziato nell’ultimo post di settembre Ecco le cose che non funzionano in Italia – Stipendi ed Euro .

L’argomento che tratterò in questo post saranno gli stipendi. Come già anticipato nel post precedente Ecco le cose che non funzionano in Italia – Stipendi ed Euro da quando è subentrato l’euro gli stipendi medi e della maggior parte dei lavoratori dipendenti si sono “sgonfiati”. Lo stipendio medio in genere si aggira intorno ai 1000 euro e poco più al mese, riferendomi alla maggior parte dei lavoratori dipendenti sia pubblici che privati. Stipendio, a detta di tutti, non basta il più delle volte, per arrivare a fine mese, ovviamente la situazione è diversa da soggetto a soggetto, in base alla propria famiglia ed ai propri consumi e spese. Il paradosso è che però ci siano persone che invece guadagnano migliaia di euro al mese e milioni di euro all’anno. 
E’ giusto che ogni persona guadagni in base al proprio lavoro, titoli e responsabilità, ma è ingiusto che la sproporzione tra i vari stipendi sia così esagerata. Questo incide anche sulla pensione, con persone che con quarant’anni e più di contributo prendono meno di 1000 euro al mese se va bene, altri invece prendono poco più di 500 euro di pensione al mese, rispetto poi a persone che prendono, 3,4,5 ed anche oltre i 30 mila euro al mese.

Escludendo i politici, che di sicuro non sentiranno e non toccheranno mai con mano la crisi economica che stiamo vivendo tutti, per gli stipendi esagerati prima e pensioni strabilianti dopo che percepiscono, di cui si è parlato e riparlato. Ci sono molti altri che incassano guadagni enormi che fanno raccapricciare chi guadagna 1000 euro al mese. Infatti ci sono presidenti e dirigenti di Enti Statali, Corte di cassazione, Corte Costituzionale, Magistratura, capi e dirigenti delle forze armate, ma anche di molte società pubbliche e parastatali, che guadagnano in un anno quello che guadagna un lavoratore dipendente in 30-40 anni.

Questa è giustizia economica?
Questa è giustizia sociale?
Questa è giustizia morale?

Dite la vostra!

Per Cambiare la Nostra Italia

Roberto 

martedì 1 ottobre 2013

Resa dei conti “PD contro PDL e PDL contro PD, arbitro l’M5S”


Beh tutti state seguendo ciò che sta accadendo nella politica italiana, praticamente siamo alla resa dei conti “economici e non”, con le dimissioni dei ministri del PDL e con la conseguente “nuova” crisi di governo!
Premetto che io non sono simpatizzante di nessun partito politico, il mio voto lo destino in base ai programmi proposti, alla fattibilità degli stessi, alla serietà ed alla coesione di una coalizione, cose che purtroppo che non ci sono mai stati. Credo che molti di voi come me vedono questo azzuffarsi tra politici italiani come qualcosa di davvero ridicolo, mentre il paese vive una situazione difficile se non proprio disastrosa economicamente, che rischia di far saltare anche l’equilibrio sociale, questi si attaccano a vicenda perdendo tempo ed arrecando danni agli italiani ed all’immagine dell’Italia.
Da una parte c’è il centro sinistra che non vede l’ora di togliersi di mezzo Berlusconi, visto che proprio nel PD molti esponenti hanno digerito male la “grande intesa” con il PDL del dopo elezioni dell’aprile scorso, dall’altra parte c’è il centro destra che vuole salvare Berlusconi a tutti i costi rischiando di affossare il paese Italia. Infine troviamo l’M5S che non fa altro che chiedere solo elezioni anticipate, deludendo molti di coloro che l’avevano votato!
Prima o poi doveva arrivare questo scontro, non poteva essere rinviato all’infinito! Come anche non si possono rinviare ogni volta i provvedimenti che riguardano IMU, IVA, TARES ed altri provvedimenti urgenti che riguardano la detassazione del lavoro. Una decisione “definitiva” bisogna pur prenderla, ed il gioco di rinviare ad altri la “patata bollente” è vecchio ormai da decenni!
Allora qual è il punto?
Che la sinistra politica italiana deve smetterla di impegnare tutte le forze solo per togliere di mezzo una volta per tutte Berlusconi. Che la destra politica italiana invece deve smetterla di correre dietro e di voler salvare a tutti i costi il loro leader Berlusconi.
Berlusconi ormai dovrebbe spontaneamente ritirarsi, avrebbe maggiori elogi e porterebbe vantaggi al suo partito, invece il suo ultimo comportamento sta arrecando danni ancora di più sia a se stesso che alla sua coalizione del centro destra. Questo non vuol dire che Berlusconi sia colpevole o no dei reati che gli sono stati ascritti, la “verità” la sa solo lui, i suoi fedeli, i giudici ed i PM, mentre noi possiamo solo “assorbire le verità” che ci vengono comunicate tramite i mass media. Forse tra 20 o 30 anni o più avremo la verità.
Però quando una “persona di onore” dice che le proprie vicissitudine personali non influiranno il lavoro del governo di cui fa parte, per poi avere capricci e cambiare idea, come fanno i “bambini….”, non è una persona di parola quindi non ci si può fidare, in questo modo si fa da solo del male ed in un certo senso si auto incolpa.      
Elogi comunque ad Enrico Letta, che con il suo governo qualche provvedimento nell’interesse del paese l’ha adottato, anche se molti, citati sopra, sono stati rinviati ed altri neppure abbozzati.  
Che stia arrivando il momento davvero di Matteo Renzi? Sempre che il centro sinistra lo “lascia fare”!
Forse rimane l’unica ultima nostra “speranza” che qualcosa di buono “finalmente” possa essere fatta così che arrivi il cambiamento che tutti auspichiamo ma che “molti” non vorrebbero perché intaccherebbe i loro interessi. Ma per questo dovremo aspettare le prossime elezioni che ormai sono inevitabile nei prossimi mesi. Ormai la “destra italiana” si sta danneggiando da sola, con il comportamento del suo leader e dei suoi fedeli, alludendo che possa ancora vincere le prossime votazioni pensando forse di ribaltare di nuovo il risultato nel finale promettendo chi sa cosa…. come è successo nelle ultime elezioni di febbraio!  
Intanto???
L’IVA  riferita all’aliquota del 21% è passata proprio oggi al 22%, con tutto quello che ne conseguirà……
Lo Spread sale, poi scende, poi risale, sembra quasi qualcosa di ricettevole Il Ricatto dello Spread.
Bruxelles che ci tiene sotto osservazione stretta attentamente, perché rischiamo di sfondare di nuovo il tetto del 3% del rapporto del nostro Deficit/Pil, con rischio addirittura di essere commissariati dalla troika europea.
Ed infine ma non per ultimo è iniziata la “svendita italiana” basta vedere cosa è successo negli ultimi giorni di settembre per Telecom Italia.
Comunque, “finche c’è vita c’è speranza”, perché proprio in questa serata è in corso il vertice del PDL tra "falchi" e "colombe" con il loro “capo” come in un consiglio di guerra, perché domani si vota la fiducia al governo Letta o forse la sfiducia!! Probabilmente non lo sanno nemmeno loro!!

Dite la vostra!

Per Cambiare la Nostra Italia

Roberto