http://www.cambiamolanostraitalia.org/

domenica 27 maggio 2018

Patto Nord-Sud - Lega-M5S “Santissima Alleanza” bene o male?

Alla fine pur di arrivare ad un governo si sono unite le due forze “ritenute impropriamente populiste” vincitrice dell’elezioni politiche del 4 marzo 2018.
Ma visto il momento delicato e la piega che sta prendendo la situazione politica e non solo, da un lato a causa delle insistenze e dei diktat dell’alleanza Lega-M5S, più che altro della “testardaggine di Salvini” sulla scelta di alcuni ministri che si vogliono imporre al Presidente della Repubblica senza il rispetto delle sue funzioni, e dall’altra parte le altre forze politiche italiane uscite con le “ossa rotte” dalle scorse elezioni politiche che continuano nella loro politica di attacchi ma senza proporre qualcosa di costruttivo, trovando come si sapeva sarebbe successo l’appoggio degli altri esponenti europei e della stampa internazionale, che continua la sua “invasione di campo”!
A questo punto probabilmente non ci fu errore più grande di questa “Santissima Alleanza Lega-M5S”? Che rischierà di bruciare “in un colpo solo” questi due partiti definitivamente, tutto a vantaggio del PD di Renzi e di FI di Berlusconi, che sono appaiate all’opposizione e quindi in un certo senso ”sono unite”?
Berlusconi che è tornato ricandidabile, subito dopo aver fatto un passo indietro, lasciando libera la Lega a provare a fare un governo con M5S, mentre gli esponenti di FI dicono a proposito di Berlusconi che giustizia è fatta! Ma giustizia è fatta non perché Berlusconi è stato assolto, ma semplicemente ha scontato la sua pena, se vogliamo chiamarla pena, quindi è ritornato candidabile. Un ultimo appunto su questa cosa, che per evasione fiscale, Berlusconi è stato condannato a 4 anni, di cui 3 anni condonati ed 1 anno ai servizi sociali per 4 ore la settimana! Io questa cosa la vedo ingiusta ed assolutamente anomala e ridicola, potevano anche condonargli tutti e 4 gli anni!!!
Adesso trascorsi questi 4 anni Silvio Berlusconi è ritornato ricandidabile, mentre un “povero cittadino comune” per molto meno rischia condanne più severe e senza condoni, con in più l’inibizione alla partecipazione di concorsi pubblici!
Ma vi sembra normale?
Ma ritorniamo al patto Nord-Sud tra Lega e M5S, dove nel programma di governo troviamo quasi tutti i punti dei programmi presentati alle elezioni sia della Lega che del M5S. Probabilmente non si potranno fare tutte quelle cose previste, soprattutto flat tax e redditto di cittadinanza, ci vorrebbe un impegno enorme di risorse economiche, e di certo non è bello e non educativo recuperare le risorse tramite l’attuazione della “pace fiscale” cioè dell’ennesimo condono fiscale, non è giusto e non mi sembra il caso. Quindi le cose vanno fatto step-by-step seguendo l’andamento della nostra economia, che si è capito sarà sotto attacco economico- finanziario!
Bisogna poi evitare assolutamente lo scontro con il Quirinale, e che sia Lega che M5S devono tener conto delle decisioni del Capo dello Stato Mattarella, che si attiene alle sue funzioni ed alle regole della Costituzione per la scelta dei ministri. Quindi se il Presidente della Repubblica non accetta il nome di Paolo Savona come ministro all’economia, è giusto tenerne conto e trovare un alternativa, se no così si sfascia tutto, con il rischio di avere ancor più nemici per Lega e M5S di quanto ormai c’è ne sono già!
Perché come già scritto in precedenza, sia dentro i confini italiani dove si è scatenata tutta stampa italiana ed i partiti sconfitti PD e FI che sono contro questa “alleanza” Lega-M5S, come se la politica fosse prerogativa dei soli partiti tradizionali PD e FI  mentre non c’è posto per la gente comune <non avrete altri partiti al di fuori di noi, noi comandiamo e voi obbedite>! Come fuori dai nostri confini ci sono le continue invasioni volontarie di interferenza e condizionamento in un paese sovrano, a proposito è ritornato il ricatto dello spread (Il Ricatto dello SPREAD), con i politici europei e stampa internazionale tutti contro Salvini-Di Maio!    
Non bisogna né essere succubi delle ingerenze altrui, soprattutto quelle da fuori confine, gli italiani potrebbero non accettare questo modo di fare dell’Europa che rischia davvero di condizionare i pensieri degli italiani se è meglio o no uscire dall’euro, ma nemmeno “arroganti” come Salvini e Di Maio nel pretendere tutto ciò che si vuole.   

Non si devono avere pregiudizi, e si devono giudicare i fatti sul “dopo” e non sul “prima”, come diceva Giovanni Trapattoni “non dire gatto se non c’è l’hai nel sacco”, saranno gli italiani a giudicare le “cose” buone e non che faranno, se mai succederà, l’alleanza Lega-M5S, perché rischiano la loro credibilità, altrimenti anch’essi faranno la fine dei partiti tradizionali, tutto a discapito della democrazia, con gli italiani ormai stufi e quasi disinteressati della politica che porterebbe ad un aumento dell’astensionismo alle prossime e probabile elezioni politiche! 

Argomenti correlati:

Alla prossima  

Cambiamo La Nostra Italia
Roberto Di Stefano  


domenica 6 maggio 2018

Come Volevasi Dimostrare “Rosatellum = Sfracellum”

Siamo ormai a più di due mesi dal post-elezioni delle politiche italiane del 4 marzo scorso, è come volevasi dimostrare, il rosatellum è risultato davvero uno sfracellum!  
Pur determinando una coalizione vincente (quella del centrodestra con Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia al 37%), e pur incoronando un partito vincente (il Movimento 5 Stelle al 32%), ma non assegnando a nessuno i numeri necessari per governare, praticamente il rosatellum ha determinato lo stallo della politica italiana (Lo “stallo e il caos” creato dalla legge elettorale del rosatellum), addossando la colpa di tutto questo immobilismo ai vincitori. Mentre chi ha “minuziosamente progettato questa legge elettorale”, che non è né maggioritaria e né proporzionale (come si suol dire… né carne e né pesce), sapeva di non poter vincere…… però ha fatto in modo, che nemmeno chi avesse vinto potesse avere i numeri per governare! Ed adesso, tali ideatori del rosatellum, incredibilmente danno la colpa ai vincitori che non riescono a fare un governo!

Sembra un rebus ma non lo è! Sembra una “barzelletta” ma è tutto vero!

Risultato….. che alla fine, ancora una volta, la colpa maggiore di questa situazione è stata addossata al M5S, etichettati come sempre inesperti ed inadeguati!
Solo perché, erano disposti a fare un governo con il centrodestra della Lega di Salvini, ma senza Berlusconi? Per tutto “il bene” che si sono detti M5S e FI, prima e dopo la campagna elettorale…. non sarebbe stato proprio opportuno! Sarebbe stato come mettere insieme “il diavolo e l’acqua santa”, con tutte le conseguenze dal caso!

Il Movimento 5 Stelle, visto la “porta sbarrata a destra”, con la Lega di Matteo Salvini legato in maniera indissolubile a FI di Berlusconi, hanno provato a bussare alla “porta a sinistra” che è risultata ancora più cocciuta di quella di destra! Praticamente Renzi ha chiuso porte e finestre della sinistra ancor prima che il M5S bussasse per aprire bocca! Perciò risulta strano l’atteggiamento del PD, ideatori e fautori del “Rosatellum”, che hanno sempre mandato messaggi al capo del Quirinale, Sergio Mattarella, della loro disponibilità al dialogo per la formazione di un governo, ma di fatto non confrontandosi mai con il M5S nemmeno per vedere o trovare dei punti in comune su cui convergere, negando in questo modo qualsiasi discorso con i pentastellati. Si è sempre sentito dire dai maggiori rappresentanti del PD, che “loro” fanno parte di un partito responsabile, che il primo interesse è quello del paese! Si sono responsabili, senza ombre di dubbio…. ma del “Rosatellum”!


Si può “diciamo” capire la <gelosia> di Silvio Berlusconi, per il giovane Luigi Di Maio…. e la rabbia che un giovanotto potesse diventare capo del governo, impedendo così di fatto alla Lega di Matteo Salvini qualsiasi compromesso con il M5S!
Ma non si riesce a capire la “negazione” del PD di Matteo Renzi al Movimento 5 Stelle, che continua ad affermare che il programma dei pentastellatti è inattuabile, oppure ha paura che davvero qualcosa di importante il M5S riesca a realizzare? Così per il PD sarebbe meglio evitare qualsiasi intesa per non ritrovarsi “ingabbiati e messi in difficoltà” in un governo pentastellato?

Ed il PD, che asserisce sempre che adesso è all’opposizione, ma all’opposizione di chi??? Di quale governo??? Ricordo al PD che il governo attuale è ancora il governo di centrosinistra di Gentiloni! Quindi “quelli” del PD si pongono all’opposizione di se stessi?

Oppure il PD di Renzi vuole andare incontro a nuove elezioni politiche, come un giocatore di azzardo accanito e poco lucido, che non si è ripreso dall’ultima batosta e tenta l’ultimo rischio? Che, mentre per il giocatore di azzardo vuol dire perdere sicuramente tutto, per il PD significherebbe andare probabilmente verso un annientamento totale, se gli italiani saranno consapevoli di come sono andate realmente le cose e chi effettivamente si è messo di traverso ad ogni possibile accordo di formazione di un governo!

A questo punto il M5S pur volendo provare a giocare la partita, non è riuscito a convincere gli altri giocatori delle altre forrmazioni a partecipare, quindi non può fare altro che abbandonare il campo e prepararsi, probabilmente, per la prossima e forse decisiva sfida, che inevitabilmente sono le nuove possibili e quanto prima elezioni!
Questo, perché, come Luigi Di Maio ha ribadito, il Movimento 5 Stelle non accetterà e mai entrerà in un governo con tutti dentro, perché si realizzerebbe quella “accozzaglia” che i grillini hanno sempre osteggiato fin dai primi giorni della loro costituzione!

Ma adesso la palla passa al Quirinale, a cui spetta l’arduo compito di sbrogliare la matassa!


Argomenti correlati:
Alla prossima  

Cambiamo La Nostra Italia                                                                                                    Roberto Di Stefano