http://www.cambiamolanostraitalia.org/

lunedì 12 ottobre 2015

Ripristino penale estinzione anticipata mutuo e penale surroga - NO del governo italiano

Finalmente una buona notizia per tutti gli italiani che hanno un mutuo ipotecario, infatti nelle ultime settimane del mese scorso, il governo italiano con “saggia decisione” ha detto NO alla direttiva europea 4/2014/17 che chiedeva all’Italia il ripristino della penale nel caso di estinzione anticipata di un mutuo ipotecario o di surroga, quale risarcimento del danno economico subito da una banca o ente finanziatore che ha concesso il mutuo o prestito.
 
Queste penali furono cancellate nel 2007 dalla liberalizzazioni volute da Bersani.
Ed adesso, come sempre sappiamo, le direttive europee, che “tirano acqua” sempre da una parte…. verso le banche ed istituti di credito, direttamente ed indirettamente, sacrificando sempre i cittadini o meglio il “portafoglio” dei cittadini, che ancora è vuoto nonostante che che se ne dica che siamo fuori dalla crisi economica, volevano e vogliono imporre ancora al governo italiano la reintroduzione di queste penali. 
Si vede che “questi burocrati” europei non hanno mai tratto un mutuo, e non sanno che è pagato e strapagato alle banche, perché chi ha davvero un mutuo e sa come funziona, come il sottoscritto (link Mutuo Casa), sa che i primi anni, nelle rate dei mutui, si pagano soprattutto gli interessi, mentre il capitale concesso scende molto lentamente.
A riprova di ciò  vi allego alcune immagini del mio mutuo a 25 anni che feci io cinque anni fa (link Mutuo Casa) prima della surroga dell’anno successivo, dove si può notare nell'immagine 1 sottostante che all’inizio sulla rata del mutuo mensile di 411 euro, 138 euro sono di capitale (34%) e 272 euro di interessi (66%). 
Immagine 1

Man mano che passano i mesi, sale la quota capitale e scende quegli degli interessi, così dopo cinque anni la quota capitale salirebbe al 42% cioè 172 euro e quella di interessi scenderebbe al 58% cioè 239 euro (punto 2 dell’immagine 2 sottostante).
 Immagine 2

Per arrivare alla parità tra quota capitale (50%) e quota di interessi (50%) bisognerebbe attendere oltre 9 anni, la 110 rata, dove la quota capitale salirebbe a 205,50 euro e quella di interessi scenderebbe a 205,65 euro (punto 3 dell’immagine 3 sottostante). 
 Immagine 3

Ma dopo nove anni che è successo???
Facciamo un po’ i conti……
Dopo ben nove anni ed un mese (rata n. 110) si sarebbe raggiunta appunto la parità tra quota capitale e quota di interessi, il cliente, in questo caso il sottoscritto, si troverebbe aver dovuto sborsare un totale di 45.200 rotti euro (411,15x110), di cui di quota capitale poco meno di 19.000 euro [75.000 (capitale iniziale) – 56.330 (capitale residuo alla 110 rata)] mentre la quota interessi poco più di 26.000 euro (45.200 – 19.000).
Ma questo appunto dopo nove anni il raffronto e la differenza tra quota capitale (42%) e quota di interessi (58%) è solo, si fa per dire, 7200 euro (immagine 3 precedente), ma se l’estinzione anticipata sarebbe avvenuta dopo cinque anni, 61° rata, (immagine 2 più sopra), allora facendo i conti il raffronto e la differenza tra quota capitale (38%) e quota di interessi (62%) è ben 6.000 euro già in cinque anni, quindi la penale alla banca o all’istituto finanziatore è pagata e strapagata.

Per chiudere i conti, a fine mutuo 25 anni (300 rate), immagine 4 sottostante, il totale che avrei dovuto pagare sarebbe stato 123.345 euro, di cui di quota capitale 75.000 euro (61%) ed una quota di interessi di ben 48.345 (39%)!!!
Immagine 4

La domanda nasce spontanea…… un cliente bancario che deposita del denaro in banca ha mai preso o prenderà mai un interesse sul suo deposito del 39%??? 

Ricordiamo poi ai burocrati europei, che i mutui in Italia sono più alti di circa l’1% (Mutui, il governo garantisce: “Nessuna penale se si cambia”), che inoltre, come tutti sappiamo, la BCE da denaro alle banche al tasso del 0,05% (Sempre più giù il tasso della BCE al minimo storico con lo 0,05%) quindi praticamente senza interessi, mentre gli istituti di credito poi concedono mutui al tasso del 3-4% cioè ben 60-80 volte di più degli interessi che “loro” pagano alla Banca Centrale Europea.
Quindi “plausi” al governo Renzi, che per una volta ha fatto qualcosa di buono dicendo “NEIN”, per il momento, alla direttiva della commissione europea, con decreto che ha ribadito che non sarà introdotta nessuna penale per l’estinzione anticipata sui mutui o sulle surroghe (Il governo cancella la penale dal decreto).

Per questo dobbiamo ringraziare anche le migliaia di persone che in pochi giorni hanno firmato online la petizione lanciata dal portale change.org (link petizione su change.org) influenzando così la decisione del governo italiano.

Ma ricordiamo che quello adottato dal governo italiano è solo un decreto, che comunque ci vuole una norma definitiva in materia entro il marzo 2016, data entro cui la Commissione Europea ha stabilito che la citata direttiva 4/2014/17 deve essere tramutata in legge nazionale. 

Alla prossima  

Cambiamo La Nostra Italia

Roberto Di Stefano  

0 commenti:

Posta un commento