http://www.cambiamolanostraitalia.org/

sabato 27 maggio 2017

A quando la “VERA” Giustizia e Legge in Italia?

Il titolo di questo post, riassume in se la “Giustizia” che non funziona in Italia, il falso delle applicazioni delle leggi, che sono fatte giusto perché si devono fare, che sono scritte giusto perché si devono scrivere, ma poi alla faccia delle applicazioni delle stesse……che vengono fatte rispettare nei confronti di alcuni (quasi sempre i più corretti, onesti e non violenti) mentre vengono violate e non applicate per altri (i corrotti, i disonesti, i violenti, o chi ha <angeli in paradiso….>).
E’ questa la Giustizia in Italia?
E’ questa la Legge in Italia?
Ultimamente si è discusso molto sulla legge della “legittima difesa”, ironizzando che ci si può difendere solo di notte ma di giorno devi prima accertarti delle eventuali “mali intenzioni del malintenzionato che entra nella tua proprietà privata”!
Non si tratta solo di armarsi o non armarsi nella speranza e nell’attesa che intervenga lo Stato il prima possibile!!!
L’autodifesa è già di per sé una cosa naturale, che non può stabilirla lo Stato!
Se qualcuno o ancora meglio uno sconosciuto entra in casa senza bussare di notte o di giorno, non importa l’ora, senza che il proprietario della casa lo abbia invitato, di certo non viene per portare fiore e rose!
Anche se <l’ospite è sacro> in questo caso è un auto-ospite che si è autoinvitato, di certo non gli si può bandirgli la tavola chiedendogli cosa gli serve o cosa vuole!
A parte l’ironia, l’autodifesa è normale l’armarsi è da valutare!
Basterebbe che lo Stato applicasse le leggi come si deve, non si può condannare, come spesso è successo in Italia, un cittadino che solo per aver difeso la “propria” famiglia ha compiuto un atto o un delitto nei confronti di uno sconosciuto malintenzionato che si è intrufolato in piena notte nella propria abitazione. Oltre ad essere incriminato per un’azione di autodifesa, viene anche condannato a risarcire economicamente i famigliari della vittima…., il danno oltre alla beffa!
Allora chi vuole commettere un reato volontariamente nei confronti di un altro ci guadagna sempre comunque vada a finire??? Invece chi si difende è sempre e comunque colpevole e paga per il fatto di essersi difeso?
Grazie Italia delle tue Leggi e della tua Giustizia!
Se lo Stato non vuole armare gli italiani, potrebbe semplicemente alzare le pene per i reati gravissimi che mettono a repentaglio la vita delle persone, ma poi soprattutto avere il coraggio di applicare la Legge e le pene, lasciando fare il lavoro ai Magistrati, ed evitare sconti di pena troppo facili o vedere il giorno dopo "libero" chi ha commesso un reato grave.
Per evitare poi di “ingolfare” la Giustizia con troppi processi che “producono” troppe prescrizioni, basterebbe raddoppiare le pene per chi ricorre in Appello, in modo tale che il colpevole di un reato, che sa di aver commesso il fatto, ci penserà più volte prima di ricorrere in Appello, se saprà che in caso di conferma della condanna la pena che sarà applicata sarà il doppio rispetto alla 1° sentenza, rispetto ad oggi che tutti ricorrono in Appello perchè non hanno nulla da perdere.
In questo modo assassini, ladri, violenti e violentatori, truffatori, corrotti e corruttori devono pensarci bene prima di fare quello che hanno in mente!!!
Stessa cosa nei confronti dei “falsi poveri” spacciati nullatenenti che in Italia sono tantissimi, che lo Stato non perseguita ai quali non può pignorare nulla, ma allo stesso tempo non vuole nemmeno condannarli penalmente a pagare il debito nei confronti dello stesso Stato o di un privato o un ente, ed ancor peggio, a molti di “questi” lo Stato probabilmente da anche dei contributi e dei sussidi… perché poveri…!
Anche “loro”  è giusto che hanno <angeli in paradiso….> !
Altri <angeli in paradiso….> gli hanno  i politici, che godono di immunità, che fanno le Leggi “ritagliate” a proprio uso e costume, e se c’è una legge che non rispetta la loro “operatività e moralità” si limitano a cambiarla o semplicemente a violarla, dando la colpa alla Legge che non era stata fatta bene o mal interpretata! Attaccano i magistrati che fanno il loro dovere giustamente ed onestamente e le loro sentenze, quando si sentono calpestare i piedi...! 

Grazie Stato Italia della tua operatività ed imparzialità, non potremmo vivere senza di te!!!
“Beati” i cittadini corretti ed onesti, che sono gli “unici” ai quali vengono applicate e fatte osservare le leggi, e sono sempre gli unici che pagano le tasse! 
  
Chiudo questo post con l'immagine sottostante che riporta una frase del Magistrato Piercamillo Davigo:    
     

Alla prossima 
   
Cambiamo La Nostra Italia
Roberto Di Stefano

0 commenti:

Posta un commento